5a edizione concorso di disegno "Un carnevale divertente per tutti"

Quinta edizione del concorso di disegno rivolto agli allievi delle classi 3e e 4e medie avente come obiettivo di creare uno slogan da abbinare ad un contesto grafico che inviti le persone a festeggiare il carnevale senza degenerare in atti di violenza.

242 i ragazzi che hanno partecipato al concorso. 159 le opere presentate

La giuria composta da: Armando Boneff, Rolf Endris, Giovanna Guidotti, Javier Martinez, don Samuele Tamagni, Cristian Weber, ha aggiudicato i seguenti premi:

PREMIO: Alessio Borges Dias, SM Locarno 2
Insegnante ed. visiva: docente Umberto De Martino
Fr. 1’000.00

Il primo premio è stato aggiudicato al lavoro eseguito dal ragazzo Alessio Borges Dias con le seguenti motivazioni:

1. L’esecuzione del disegno è curata e rispecchia lo spirito e l’anima carnevalesca;
2. “È stato attribuito il primo premio al disegno di Alessio, scelto per la pertinenza con il tema e, fra le opere pervenute, perché ritenuto graficamente il più idoneo all’utilizzo come manifesto”.

PREMIO: Daniele Molinari e Moreno Bricalli, SM Locarno 2
Insegnante ed. visiva: docente Umberto De Martino
Fr. 500.00

PREMIO: Alessia Soldati e Vanessa Zanini, SM Locarno 2
Insegnante ed. visiva: docente Umberto De Martino
Fr. 200.00

Menzione speciale: Lisa Attivissimo, Magdalena Babic, Samira Berisha, Katarina Jovovski, Nicole Olivi, Giuditta Piazza, Alessandra Riva, Andreja Maria Sà Azevedo, Moreno Stabile, Alexander Zocco, Insegnante ed. visiva SM Barbengo

Il manifesto vincente è stato stampato in 1200 copie che verranno distribuite a tutte le Scuole medie e medio superiori e a tutti i Carnevali.

Commento di Armando Boneff al manifesto primo classificato

Scegliendo il manifesto realizzato da Alessio Borges Dias (scuola media Locarno2, classe IIIa), la giuria ha privilegiato lo slogan rispetto all’originalità dell’immagine, ritenendo comunque che nel complesso la composizione comunichi con efficacia il messaggio contro la violenza che la Fondazione Damiano Tamagni vuole diffondere a tutti i ticinesi, in particolare ai giovani. L’accostamento dell’aggettivo “frizzante”, che ben si addice allo spirito carnevalesco, al “rispetto costante” quale atteggiamento imprescindibile anche nel divertimento, invita ad una riflessione più ampia. Vi sono persone esuberanti (“frizzanti”) che per loro natura tendono a farsi notare dagli altri. Di per sé ciò non è negativo, ma lo diventa quando emergono dal gruppo con atteggiamenti irrispettosi verso le altre persone o le istituzioni. Così facendo trasformano la loro carica naturale, che potrebbe essere impiegata positivamente, in violenza gratuita. Nuocciono a se stessi diventando personaggi negativi e agli altri che devono subire il loro comportamento. Sia il manifesto di Alessio un invito ad essere allegri e spensierati (soprattutto a carnevale) senza mai perdere il senso del buongusto, ricordando che la propria libertà termina dove inizia quella del prossimo.

Per la giuria del concorso di disegno della Fondazione Damiano Tamagni
Armando Boneff